Il Growth Hacking è costituito da un insieme di tattiche di marketing digitale finalizzate a far crescere sil traffico di siti web, accrescere e gestire una base di utenti attivi, vendere prodotti prodotti e guadagnare visibilità per un brand.

Molte persone pensano erroneamente che il growth hacking e il marketing siano la stessa cosa. Il growth hacking ha lo stesso obiettivo del marketing tradizionale che punta all’acquisizione di clienti. La differenza è che il growth hacking non necessita l’impiego di ingenti budget a cui, invece, hanno accesso le aziende più grandi.

In genere, il growth hacking mischia marketing, ottimizzazione e know-how di sviluppo per realizzare un marketing automatizzato con un budget ridotto attraverso ad esempio e-mail automatizzate, homepages e landing pages finalizzate all’iscrizione di nuovi clienti, o l’ottimizzazione del rapporto con clienti già acquisiti.

I vantaggi del growth hacking sono un ROI dimostrabile, un basso costo e poche risorse investite. Occorre dire che la pratica del growth hacking è stata criticata da chi non crede in tattiche veloci piuttosto che sullo sviluppo di una strategia di marketing approfondita.

I growth hacker hanno una vasta gamma di conoscenze in diverse discipline e domini: prodotto, design, tecnologia, dati, contenuti e analisi per realizzare un processo strategico che può aiutare a risolvere i problemi che ostacolano la crescita di qualsiasi azienda.